Ricatti sessuali via email. Il ricatto-truffa degli hacker a centinaia di italiani

“Abbiamo video di te che guardi i porno”. Il ricatto-truffa degli hacker a centinaia di italiani

Ricordano un poco i primi virus che facevano apparire la maschera della Polizia Postale, che annunciava che ti avevano “scoperto” ad utilizzare software illeciti, ma questa volta toccano un tasto, “forse”, più sensibile (chi non ha mai cliccato qualche immagine osè scagli la prima tastiera cit.). Non abboccate ….. anche se vi siete lasciati tentare !!!!

Leggi Articolo

Problemi di Calore con i MacBook Pro 2018

La scorsa settimana Apple ha lanciato i nuovi MacBook Pro con processore i9. Tuttavia dai primi test emergono problemi di raffreddamento

Che i MacBook Pro scaldino, soprattutto sotto sforzo, non è una novità: anche le attuali versioni, soprattutto quella da 13”, scaldano parecchio. Questo perché Apple ha scelto, volutamente, di gestire a modo suo la curva di raffreddamento dei processori: piuttosto che sentire le ventole che girano ad alto regime preferisce far scaldare il corpo unibody del Macbook. Scelta assai discutibile.

Oltre alle prestazioni, occorre tenere presente i possibili danni che possono subire le memorie SSD M.2 con l’aumento del calore, CON LA CONSEGUENTE PERDITA DEI DATI.

La prima cosa da fare, quando si acquista un MacBook Pro, è l’installazione di utility come smcFanControl, opensource e disponibile tramite Brew, oppure Macs Fan Control, spesso suggerita in combinazione con Coconut Battery. In questo modo si può aumentare il regime di rotazione della ventola tenendo il notebook più fresco e mantenendo la prestazioni più elevate.

Questa soluzione tuttavia non sarebbe di aiuto sulla versione con core i9, che anche con la coppa di ventole regolata al massimo non riesce a smaltire il calore in eccesso.

FONTE: DDAY

Un consenso che ti “rovina” la vita

Attenzione ai consensi che prestate !!!

In un reclamo presentato all’Autorità è stato lamentato l’invio di una comunicazione postale a contenuto commerciale contenente un espresso richiamo ad un acquisto effettuato dal destinatario della stessa presso una gioielleria; in base a quanto lamentato, pervenuta detta comunicazione a conoscenza della convivente del segnalante, il contenuto della stessa ingenerava un fraintendimento tale da compro mettere il rapporto di coppia.

Alla luce degli elementi acquisiti nel corso del procedimento, il Garante ha ritenuto che, ancorché la società non avesse rinvenuto la documentazione relativa al consenso prestato dal reclamante all’invio di  comunicazioni commerciali, tale consenso fosse stato effettivamente prestato (come peraltro dichiarato dal reclamante, che aveva riconosciuto di aver  “fornito  un’autorizzazione a ricevere materiale promozionale generico”, e come risultante dai sistemi informativi della società).

Anche analizzando il modello di informativa fornita alla clientela, dalla stessa era possibile desumere l’impiego dei dati del cliente “per fornire servizi personalizzati di vendita presso i negozi […] di tutto il mondo”. Tale finalità, espressa in termini generali, trovava poi esemplificazione (sia  nell’informativa che nel modello predisposto per la manifestazione del consenso) nelle modalità attraverso le quali detti servizi avrebbero potuto essere resi (anche in forma di invio di comunicazioni promozionali, pure  personalizzate, come nel caso di specie).

Per tali ragioni il Garante non ha ritenuto illecito il trattamento effettuato dalla società, prescrivendo tuttavia nei confronti di quest’ultima di dotarsi di adeguate procedure interne aventi ad oggetto le modalità di conservazione dei supporti materiali contenenti i dati personali della clientela, impartendo le necessarie  istruzioni relative alla corretta conservazione degli stessi ai propri responsabili ed incaricati del trattamento (provv. 13 settembre 2017, n. 370, doc. web n. 7297817).

Micro SD di seconda mano su e-Bay: il 65% contiene dati personali del venditore

Un’indagine della University of Hertfordshire, che ha acquistato 100 supporti rimovibili di seconda mano su eBay, ha evidenziato che in almeno 60 casi il precedente proprietario avrebbe dimenticato di tutelare la propria privacy.

Il problema è che vi sarebbe una diffusa mancanza di attenzione nei confronti del tema, anche se ormai con smartphone e fotocamere si fa di tutto. Anche nel caso di formattazione e cancellazione dei file molti non sanno che sfruttando specifici software è possibile recuperare dati di diverso di genere.

Questi i risultati nel dettaglio dell’indagine: 36 schedine non sono state cancellate, 29 sono state formattate ma il contenuto è stato recuperato con uno sforzo irrisorio mentre in altre 2 è stato “semplice”; 25 sono state trattate a dovere, ossia con software che tramite un algoritmo ricorsivo hanno tutelato la privacy a dovere, 4 erano rotte e altrettante del tutto vuote.

La questione, non è ovviamente di scarsa rilevanza. Oggi la maggioranza dei dati sensibili viaggia in digitale e magari su supporti rimovibili come SD o microSD, e qualora decidessimo di proporne una al mercato dell’usato sarebbe opportuno trattarle con software in grado di “bonificare” ed eliminare ogni traccia della loro “vita” precedente.

Infatti, il problema non è tanto ricordarsi di cancellare i dati, ma farlo correttamente con gli strumenti adeguati, perchè la semplice cancellazione di un file tramite un dispositivo non è sufficiente poiché rimuove solo il riferimento che punta a dove è localizzato, non l’elemento stesso. I dati rimangono per sempre sulle memorie flash, a meno che non si proceda con riscrittura.

Quindi il consiglio è di “cancellare” tutto con strumenti ad hoc e poi riformattare.

Fonte: Dark Reading

ASL CASERTA. Hanno messo un 6° livello a fare il custode dei dati personali. Ecco perché questa nomina è totalmente illegittima

CASERTA (luigi vincenzo repola) – Non sembra aver pace l’Azienda Sanitaria Locale di Caserta. L’ultima querelle riguarda la nomina del Data Protection Officer (DPO), figura professionale incaricata di gestire la sicurezza e il trattamento dei dati sensibili, divenuta fondamentale alla luce delle ultimissime norme europee.

Leggi Articolo

Cose di cui Facebook tiene traccia

18 cose di cui Facebook tiene traccia

Quando il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha testimoniato davanti al Congresso in aprile, all’indomani dello scandalo di Cambridge Analytica, ha affermato che il suo team avrebbe dato seguito alle domande a cui non poteva rispondere per intero durante l’audizione con ulteriori risposte.

Il Congresso ha appena pubblicato un vistoso documento con risposte scritte a quelle domande che erano rimaste in sospeso. Queste risposte ci ricordano che Facebook registra molte informazioni che riguardano gli utenti, insomma Facebook tiene traccia di tanti dati che sono sembrano essenziali al suo funzionamento, come ad esempio i movimenti che facciamo con il mouse.

Leggi articolo

Data Breach alla Coca Cola

Coca Cola annuncia violazione dati personali di 8.000 dipendenti

La Coca-Cola Company ha reso noto di aver subìto una violazione dei dati che potrebbe interessare circa 8.000 lavoratori a causa di un ex dipendente in possesso di un hard disk esterno contenente dati personali dei lavoratori.

La Bleeping Computer riferisce che Coca-Cola è stata informata dalle forze dell’ordine nel settembre 2017 che un ex membro di una società controllata era stato trovato con l’unità hard disk in suo possesso. La società ha dichiarato di aver collaborato con la polizia per indagare sui dati contenuti nel disco rigido e ha rilevato che erano incluse alcune informazioni personali.

Stiamo inviando notifiche di violazione dei dati a circa 8.000 persone le cui informazioni personali sono state incluse in file informatici che un ex dipendente ha portato con sé quando ha lasciato l’azienda. Non abbiamo alcuna informazione che suggerisca che le informazioni siano state utilizzate per commettere furti di identità, ha detto un portavoce della Coca-Cola“.

L’annuncio non era stato fatto prima su richiesta della polizia.

Il tipo di PII trovato non è stato rivelato, ma la società sta inviando una notifica a circa 8.000 persone informando che i loro dati potrebbero essere stati compromessi, anche se a questo punto non sembra che nessuna PII sia stata utilizzata maliziosamente, secondo quanto riportato da Bleeping Computer .

Sun Trust Bank ha subito un problema simile all’inizio di questo mese, quando ha confermato di essere stata colpita da un attacco interno quando un ex dipendente, che lavorava con una terza parte, ha rubato gli elenchi di contatti aziendali esponendo le informazioni personali a 1,5 milioni di clienti.

Fonte: SC Magazine

La carta IoStudio di Postepay

Poste Italiane, così il governo Monti ha venduto i dati degli studenti alla banca del gruppo di spedizioni

La carta IoStudio Postepay che dovrebbe avere funzione primaria di carta dello studente, è una prepagata che viene rilasciata senza alcuna informativa sui costi (che pure ci sono) e con un esplicito invito agli studenti ad attivarla, caricarla e iniziare a utilizzarla negli esercizi convenzionati, negli store online e anche a contribuire attivamente a estendere la rete degli esercenti

Leggi articolo